Logo



Titolo:Spuma di caffè shakerato con crema al whiskey




Da alcune estate, in quel di Genova, nei bar va abbastanza di moda il caffè shakerato, probabilmente anche nelle altre città ma per lo meno qui è abbastanza usuale vedere le persone farselo preparare anche dopo pranzo e nel pomeriggio; normalmente viene aggiunto anche una base alcolico che spesso è un liquore di vaniglia, poi mi è capitato di vedere qualche persona prendersi un caffè un po' più sfizioso correggendolo con del Baileys, una nota e ottima crema al whiskey irlandese, cosè domenica sera ero pronto a prepararmi un bel caffè shakerato con questo ottimo liquore quando mi son detto ma perchè non molecolarizzare il tutto? ovvero perchè non solidificare rendono spumoso questo ottimo drink in modo da mangiarlo al cucchiaino invece che berlo? Cosè ho elaborato questa semplice versione di spuma di caffè shakerato, l'idea è proprio quella di cambiare la texture (alcuni dicono testura) grazie all'utilizzo della colla di pesce (i fogli di gelatina) il tutto però dentro a un sifone, in modo che l'aria compressa impedisca la formazione di unico solido ma contribuisca a creare una spuma densa.
Detto fatto ho preparato una bella caffettiera da 6 e dopo i vari passaggi ho ottenuto questo cocktail / dolce veramente gustoso, un'ottima variante per il classico caffè shakerato con il più la possibilità di conservarlo in questo stato per alcuni giorni in frigorifero, a tal proposito vi consiglio il raffreddamento lento quando si usa la gelatina in modo da dare tutto il tempo necessario al collagene di creare reticoli e legami, in modo da intrappolare più liquido al suo interno. Per questo motivo è meglio lasciare raffreddare a temperatura ambiente e poi nel frigo.
 Data: 2010-03-31 Autore: Max