Logo



Titolo:Allergie Alimentari 1 parte
Segni e sintomi che possono indicare un'allergia alimentare nascosta


Testa:
emicrania
sinusite
debolezza
capogiri
un senso di pesantezza alla testa
sonnolenza eccessiva
insonnia.

Occhi:
prurito
lacrimosità
vista annebbiata
palpebre gonfie e ingrossate

Orecchi:
ronzio
mal d'orecchi
percezione amplifica del suono
liquido nell'orecchio mediano
perdita d'udito
infezioni ricorrenti all'orecchio
prurito
spurgo dall'orecchio

Naso:
naso che cola
naso chiuso
muco eccessivo
spurgo post-nasale

Gola:
Mal di gola
raucedine
tosse cronica
vomito
propensione a schiarirsi la gola
sensazione di solletico in gola

Bocca:
stomatite
prurito del palato
gengive che sanguinano
lesioni

Collo:
Gonfiore ghiandolare

Cuore:
palpitazioni
aumento del battito
battito irregolare.

Dieta di latticini- cioccolato-addittivi salicilati

Per questo tipo di dieta dovete evitare tutti i cibi che contengono latticini, compresi i formaggi, tutti i cibi che contengono cioccolato comprese le bibite a base di cola, oltre a tutti i cibi che contengano conservanti, sostanze chimiche, aromi o additivi.
A rigor di termini, non potrete mangiare in un ristorante, specialmente in uno di quelli con un buffet colmo di insalate o piuttosto in un altro cui vi venga servita una bella insalata di patate o ogni altro tipo di insalata che contenga bisolfito (un conservante che serve a mantenerle fresche). Non potete essere certi che il ristorante non usi dei conservanti. Quasi tutti i cibi preconfezionati non possono essere consumati in quanto contengono prodotti chimici, aromi o conservanti.
Le uova non hanno niente a che fare con il latte e si possono mangiare tranquillamente.
Tecnicamente, dovete controllare l'etichetta, la marca e la lista degli ingredienti di qualsiasi cosa desideriate mangiare.

dal libro E se fosse allergia? di Stephen Astor - ed. Musumeci

Come scegliere una dieta test

....Eliminare un cibo. Questo primo principio ha superato l'esame del tempo. Una volta che eliminate una sostanza cui siete allergici questa sostanza non potrà più farvi male. Nessuno è mai riuscito a dimostrare il contrario. (Non importa in che misura potete essere allergici alle noccioline, niente vi potrà capitare fin tanto che non le mangiate). Per la stessa ragione, se avete eliminato un certo cibo dalla vostra dieta e non vi sentite meglio, allora vuol dire che quel determinato cibo non può essere responsabile dei vostri sintomi.


Eliminare molti cibi. Questo principio è meno familiare, in quanto sembra sfidare una logica. Il solito meccanismo di seguire una dieta ad eliminazione consiste nell'eliminare un cibo alla volta; altrimenti risulterebbe impossibile stabilire quale cibo è 'il colpevole'.

Nonostante ciò considerate i fatti seguenti.
Cosa succede se una persona reagisce ad una combinazione di cibi? In tal caso non scoprirà mai di essere affetto da una nascosta allergia alimentare. Eliminare un cibo alla volta lo condurrà alla falsa conclusione che non è allergico ad un cibo, quando invece lo è.
Ese una persona non fosse allergica ai cibi? In questo caso si sottoporrà a numerosi test, a visite mediche, passeranno molti mesi, e se ne andranno anche molti soldi per cercare qualcosa che non c'è.
Nonostante questo secondo principio suoni irragionevole e a senso inverso, fa risparmiare molto tempo, denaro e sforzi. Se siete affetti da allergia alimentare lo scoprirete sicuramente, se non lo siete, lo scoprirete presto e non tardi.
Cosa pensate che succeda se eliminate un cibo solo per uno o due giorni invece che per tre settimane complete? In questo caso non scoprirete reazioni allergiche del tipo ritardato. L'organismo ha bisogno di tempo per trasformare i cibi. Può esserci un ritardo tra l'assunzione di un cibo e la reazione che ne risulta. Se questa dieta non viene mantenuta per tre settimane potreste non accorgervi di una reazione del tipo ritardato.
Di uguale importanza è il fattore curativo. Quando l'organismo reagisce ad un alimento, si verificano alcune mutazioni. Una volta rimosso lo stimolo nocivo, può essere necessario del tempo perchè l'organismo guarisca al punto tale che possiate riconoscer un rapporto di causa effetto.


dal libro E se fosse allergia? di Stephen Astor ed. Musumeci



Segni e sintomi che possono indicare un'allergia alimentare nascosta



Problemi psicologici
ansia
attacchi di panico
depressione
comportamento aggressivo
irritabilità
apatia mentale
pigrizia mentale
confusione
eccessivo fantasticare
iperattività
irrequietezza
incapacità di apprendimento
svogliatezza nel lavoro
modo di parlare indistinto, confuso
incapacità di concentrarsi
indifferenza
stress

Problemi di apprendimento
scarso rendimento
incapacità di concentrarsi
disorganizzazione
facile propensione alla distrazione
incapacità di seguire le istruzioni
poca attenzione
procedimenti illogici del pensiero
dislessia
modo di parlare lento e disorganizzato
nessuna consapevolezza del binomio causa-effetto
problemi percettivi

Caratteristiche
eccitabile
impulsivo
spericolato
disgregato
irragionevole
polemico
poco disposto alla cooperazione
mancanza di autocontrollo
cattivo umore
predisposizione al pianto
eccessiva loquacità
predisposizione ad interrompere i discorsi altrui
enuresi
dorme male e poco
facilmente frustrato
doppia personalità

Apparato motorio
alto livello di energia
bisogno costante di toccare
goffaggine
mancanza di coordinamento nei movimenti
nervosismo
problemi di coordinazione occhi-mani.

dal libro E se fosse allergia? di Stephen Astor ed. Musumeci

 Data: 2010-05-26 Autore: Max